• Stacks Image 156

    Caption Text

  • Stacks Image 157

    Caption Text

  • Stacks Image 158

    Caption Text

  • Stacks Image 163

    Caption Text

| gallery | video | pdf |

Shanghai International Design One


Shanghai, China (2011 - in progress)

The project developed for this competition by Joseph di Pasquale and AM Progetti is based on two important principles: cultural sustainability (combining Chinese tradition with Western and Italian tradition) and ecosustainability (adopting different solutions
for energy conservation and to decrease environmental impact).
The complex, overlooking Siping Road, is a big door, partially open and 100 metres high. This building, with a strong symbolic value, allows people to travel through space and time back to Marco Polo: the first connection between the Italian and the Chinese culture.
Studio Iorio carried out, for AM Progetti, the structural concept design proposing different structural types and schemes. Reinforced concrete slabs at the underground floors (to reduce fire resistance costs); reinforced concrete cores with steel columns and slabs (for the other floors for fast execution times); multi-floor steel beam truss (to reach a height of 100 metres and connect the top of the portal). These structural choices minimize operating costs and maintenance.
The project was the winner of this competition.


Il progetto di concorso elaborato da Joseph di Pasquale e da AM Progetti si basa sui principi della sostenibilità culturale, che coniuga la tradizione cinese con quella occidentale ed italiana, e dell'ecosostenibilità, adottando soluzioni per il risparmio energetico e la riduzione dell'impatto ambientale.
Altamente simbolica, verso Siping road, è la presenza di una sorta di gigante porta alta 100 metri e parzialmente aperta che, richiamandosi alla tradizione tipica cinese, permette alla gente di viaggiare lungo lo spazio ed il tempo fino a Marco Polo, il primo collegamento tra la cultura italiana e quella cinese.
Studio Iorio ha sviluppato per AM Progetti la fase di concept design strutturale proponendo tipologie e schemi strutturali differenziati rispetto all'impegno ed alla funzione richiesta: solai in c.a. pieni ai piani interrati per minimizzare i costi della resistenza al fuoco delle strutture, cores in calcestruzzo armato con solai e colonne in acciaio ai piani fuori terra per garantire la massima velocità d'esecuzione, travi reticolari pluripiano in carpenteria metallica per superare una distanza pari a circa 100 metri ed al tempo stesso collegare la sommità del portale.
Il progetto è stato premiato come primo classificato del concorso.